Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

ECHA e-news - 25 marzo 2015

-A A +A

In questo numero: è disponibile sul sito dell'ECHA il primo Rapporto annuale relativo alla roadmap per l’identificazione delle sostanze estremamente preoccupanti (SVHC); i notificanti di circa 100 sostanze sono stati contattati e invitati a confrontare le loro notifiche con la classificazione armonizzata o con le notifiche presentate da altri soggetti e pubblicati nell'Inventario C&L; nuove consultazioni pubbliche e altro ancora.

 

ECHA e-news - 25 marzo 2015

In questo numero:

è disponibile sul sito dell'ECHA il primo Rapporto annuale relativo alla roadmap per l’identificazione delle sostanze estremamente preoccupanti (SVHC). Lo scopo della roadmap è di inserire tutte le sostanze che destano maggiore preoccupazione per la salute umana e per l’ambiente nella candidate list;

l’ECHA invita i registranti, in particolare coloro che hanno presentato proposte di sperimentazione in attesa di valutazione, ad acquisire dimestichezza con le modifiche apportate al regolamento REACH relative alla tossicità per la riproduzione;

è disponibile sul sito dell’Agenzia la versione aggiornata del “Summary of Product Characteristic (SPC) editor per supportare le imprese nella predisposizione delle domande di autorizzazione ai sensi del regolamento sui biocidi;

l'ECHA in collaborazione con la Commissione europea, l’European Chemical Industry Council (Cefic), l’Eurometaux e l’European Association of Chemical Distributors (FECC) ha avviato un progetto pilota per incoraggiare i notificanti della stessa sostanza a trovare un accordo sulla relativa classificazione e etichettatura, attraverso l’utilizzo della piattaforma C&L dell’ECHA.
I notificanti di circa 100 sostanze sono stati contattati e invitati a confrontare le loro notifiche con la classificazione armonizzata o con le notifiche presentate da altri soggetti e pubblicati nell’Inventario C&L;

sono stati pubblicati i risultati della valutazione da parte dell’ECHA dell'uso del cadmio e dei suoi composti nelle materie plastiche. L’ECHA al momento ritiene che non ci siano le condizioni per proporre una restrizione per tale utilizzo;

La Commissione europea sta organizzando a Bruxelles il 27 e 28 aprile 2015 un workshop per supportare le imprese nell’identificazione delle sostanze complesse ai fini della registrazione REACH. Il workshop sarà trasmesso in streaming. La registrazione e il materiale presentato saranno disponibili sul sito della Commissione europea dopo l'evento;

l'Agenzia, in collaborazione con l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), ha organizzato il 7 e 8 ottobre 2015 a Helsinki un workshop di aggiornamento scientifico sulla valutazione del rischio nel comparto suolo. Lo scopo del workshop è di sviluppare nuovi approcci e metodi scientifici a sostegno della normativa europea in questo settore. Si invitano gli esperti ad inviare la propria manifestazione di interesse entro il 15 aprile il 2015. Si potrà partecipare solo su invito;

Sono in corso le consultazioni pubbliche relative ai seguenti documenti:

possibilità di nuove opportunità di lavoro presso l'ECHA.

No