Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

ECHA e- news - 13 novembre 2013

-A A +A

In questo numero: l'aggiornamento del Registro delle intenzioni; nuove consultazioni pubbliche e altro ancora.

In questo numero viene tra l'altro comunicato:

la disponibilità sul sito dell’Agenzia di una nuova sezione dedicata all'uso sicuro delle sostanze chimiche sul luogo di lavoro. La nuova sezione contiene pagine dedicate ai lavoratori con informazioni pratiche e alcuni esempi su come i regolamenti REACH, CLP e il BPR possano migliorare la loro salute e la sicurezza sul lavoro. La nuova sezione del sito per i lavoratori è il risultato della collaborazione dell’Agenzia con la Confederazione europea dei sindacati (CES). L’iniziativa è stata presentata al vertice UE-OSHA di Bilbao sulla salute nei luoghi di lavoro (11-12 novembre u.s.);

che è stato aggiornato il Registro delle intenzioni con una proposta di classificazione ed etichettatura armonizzate per il metacrilato di isobutile;

l’avvio da parte dell’ECHA di un’indagine per comprendere quali sono le opinioni del pubblico in merito all’operato dell’Agenzia. È possibile partecipare al sondaggio fino al 29 novembre p.v.;

l’avvio della consultazione pubblica relativa alle domande di autorizzazione per il bis(2-etilesil)ftalato (DEHP) e il dibutilftalato(DBP).
L'ECHA ha ricevuto sette domande di autorizzazione per gli usi delle due sostanze e invita le parti interessate a presentare le informazioni rilevanti sulle alternative disponibili. La consultazione pubblica si concluderà l'8 gennaio 2014;

l’avvio della consultazione pubblica sulla proposta di modificare l’attuale classificazione ed etichettatura armonizzate per l’1,2-dicloropropano, inserendo la proprietà di cancerogenesi. La sostanza è generalmente utilizzata come intermedio nella sintesi di composti clorurati ed è stata utilizzata nei prodotti di pulizia a base di solvente e nei diluenti per vernici. Il termine per la presentazione delle osservazioni è il 23 dicembre 2013;

che sono inoltre in corso le consultazioni pubbliche relative ai seguenti documenti:

la possibilità di nuove opportunità di lavoro presso l'ECHA.

No