Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

ECHA e-news 5 dicembre 2012

-A A +A

In questo numero: l'organizzazione di un seminario che si terrà a Helsinki l'11 e 12 febbraio 2013 sulle domande di autorizzazione, l'aggiornamento del Registro delle intenzioni con la proposta di identificazione come SVHC per quattro nuove sostanze, la possibilità di nuove opportunità di lavoro presso l'ECHA e altro ancora.

ECHA e-news – 5 dicembre 2012

In questo numero viene tra l’altro comunicato:

l’aggiornamento del capitolo R.7.1 “Proprietà chimico-fisiche” della “Guida alle prescrizioni in materia di informazione e alla valutazione della sicurezza chimica”
http://echa.europa.eu/it/view-article/-/journal_content/27f93ec8-bc15-4f1e-b569-5373fd961ef9;jsessionid=1194539626E1A3BC034052299E22AAFB.live2

la pubblicazione del materiale relativo al  webinar  “Procedura di registrazione II: controllo della completezza tecnica (TCC), fatturazione e pagamento”. Il webinar si è concentrato sui seguenti argomenti:
• l'uso dello strumento TCC;
• la descrizione della procedura di registrazione;
• lo strumento per calcolare la tassa;
• le informazioni per la fatturazione in REACH-IT;
• come evitare spese impreviste.
http://echa.europa.eu/it/view-article/-/journal_content/583008d7-eabf-43b9-b04f-0c38b7dc9856

l’organizzazione di un seminario, che si terrà ad Helsinki l’11 e 12 febbraio 2013, sulle domande di autorizzazione, rivolto in particolare ai futuri richiedenti. L'obiettivo è quello di migliorare la comprensione della procedura di richiesta di autorizzazione tramite presentazioni, discussioni e feedback da parte dell’industria. Per limiti di spazio, i partecipanti saranno selezionati attraverso un processo di registrazione all’evento a partire dal 10 dicembre p.v. Sarà data priorità a coloro che non hanno avuto la possibilità di partecipare al seminario tenutosi  il 1 e 2 ottobre scorsi. Un seminario simile è previsto anche per giugno 2013. L'iscrizione è aperta fino all'11 gennaio 2013.
http://echa.europa.eu/it/view-article/-/journal_content/33f61510-49e4-43dc-93da-26ffa49a83e4

la presentazione dei risultati preliminari di REACH-EN-FORCE-2 ai partecipanti della 13 ª riunione plenaria del Forum che si è svolta dal 27 al 30 novembre 2012 a Helsinki. Il programma di vigilanza ha preso in considerazione gli obblighi dei formulatori di miscele e la qualità delle schede di dati di sicurezza (SDS). Il risultato ha evidenziato gli sforzi che gli Stati membri stanno compiendo per stabilire un approccio armonizzato per l'enforcement.
http://echa.europa.eu/it/view-article/-/journal_content/e2e8f996-ed11-4210-9445-f85dc6e13ca7

che l’Agenzia ha esaminato tutte le proposte di test presentate entro la prima scadenza di registrazione del regolamento REACH e ha elaborato le decisioni in merito a tali proposte entro i  termini previsti dal regolamento, ovvero entro il  1°  dicembre 2012. Si tratta di un passo importante nel processo previsto dal regolamento REACH poiché permette di colmare eventuali carenze e allo stesso tempo di evitare inutili esperimenti sugli animali.
http://echa.europa.eu/it/view-article/-/journal_content/adee7857-f7cd-4842-b7e2-0da69e8a1f15

che l'ECHA, per supportare le aziende nell’adempimento degli obblighi previsti dal regolamento REACH, ha pubblicato un esempio esplicativo di Relazione sulla sicurezza chimica nel maggio 2012. Tale esempio è stato ora aggiornato per adeguarlo agli strumenti informatici a disposizione dei registranti per predisporre e documentare la Valutazione della sicurezza chimica (IUCLID 5.4 e Chesar 2.1)
http://echa.europa.eu/it/view-article/-/journal_content/f7234ac2-4b47-4cfa-99cd-de3c6d2a1404

che le imprese hanno l’obbligo di etichettare e imballare tutte le sostanze pericolose secondo il  regolamento CLP e di aggiornare le proprie schede di dati di sicurezza per le sostanze e le miscele in accordo con le modifiche del regolamento REACH entro il 1° dicembre 2012
http://www.echa.europa.eu/it/view-article/-/journal_content/eca0d8de-be4d-4e28-a68b-47fd3c01d079;jsessionid=C44E2058AD3C4DFCFE22B2F902181E5E.live2

la disponibilità sul sito dell’Agenzia delle Valutazioni del rischio degli Stati membri effettuate nell'ambito della precedente normativa sulle sostanze chimiche.
http://fceg.espsrv.com/f/tr.aspx/?&x=pv&6Uh&h=pw1_w/.9aa=vtx/lh&x=pv&=:kjc1sr77&x=pv&629lhbe757jsm76s:h9jjo-e&bgd6g-fd/de35:&c&77bfq.d8dic3i.ea2:hbb40k-jj&c-3fj8ig5e87h4h7&lb3i.eaNCLM

che il Registro delle Intenzioni è stato aggiornato con la proposta di identificazione come sostanze estremamente preoccupanti per le sostanze: 

• 2-(2H-benzotriazol-2-yl)-4,6-ditertpentylphenol (N. CAS 25973-55-1) 
• 2-benzotriazol-2-yl-4,6-di-tert-butylphenol (UV-320)  (N. CAS 3846-71-7) 
• 2,4-di-tert-butyl-6-(5-chlorobenzotriazol-2-yl)phenol (UV-327)  (N. CAS 3864-99-1) 
• 2-(2H-benzotriazol-2-yl)-4-(tert-butyl)-6-(sec-butyl)phenol (UV-350)  (N. CAS 36437-37-3)
http://echa.europa.eu/it/registry-of-current-svhc-intentions;jsessionid=816556E416AC2AC632C573AEC699347E.live1

la possibilità di nuove opportunità di lavoro presso l’ECHA
http://echa.europa.eu/web/guest/about-us/jobs/open-positions

No