Banche dati dell’ECHA

Print
-A A +A

Banche dati dell'ECHA

Banca dati sulle sostanze chimiche registrate

L’ECHA gestisce la banca dati sulle sostanze chimiche registrate ai sensi del Regolamento REACH. Attualmente sono presenti le informazioni su circa 23.000 sostanze per le quali sono stati presentati i dossier di registrazione. Tali informazioni riguardano le proprietà chimico-fisiche, gli aspetti tossicologici delle sostanze, la classificazione in base al regolamento CLP, oltre ai consigli di prudenza, la tipologia dei prodotti in cui la sostanza è contenuta, i pericoli connessi e l’uso.

Queste informazioni, raccolte attraverso un sistema semplificato di presentazione dei dati, generano la Infocard, una sorta di “carta di identità delle sostanze” al fine di rendere i dati accessibili anche ad un pubblico di non esperti e di rendere più sicura, per la salute umana e per l’ambiente, la gestione delle sostanze chimiche e, al tempo stesso, rendere i cittadini più consapevoli dei rischi legati all’uso inappropriato di tali sostanze.

Effettuando una ricerca per nome sostanza, numero CAS o numero CE, è possibile generare l’infocard cliccando sul nome della sostanza.

 

Banca dati sulle sostanze chimiche

Sull’home page del sito dell’ECHA è presente la banca dati sulle sostanze chimiche dove è possibile avere informazioni su circa 290.000 non necessariamente normate dal Regolamento REACH. È possibile effettuare ricerche sia attraverso il nome, il CAS, il numero CE di una sostanza, ma è possibile anche ricercare una sostanza attraverso le varie norme europee che regolano le sostanze chimiche (regolamento CLP, regolamento sui biocidi, regolamento PIC -di competenza di ECHA- ma anche normativa ambientale, sulle acque, sulla sicurezza sul lavoro, ecc.).

Anche in questo caso viene generata una scheda infocard che riassume tutte le informazioni sulla sostanza oggetto della ricerca.

 

Banca dati SCIP

La banca dati SCIP Substances of Concern In Articles as such or in complex object (Products) ha lo scopo di garantire la disponibilità delle informazioni sulle sostanze chimiche preoccupanti (SVHC) presenti negli articoli in quanto tali o in oggetti complessi (prodotti) durante l’intero ciclo di vita dei prodotti fino al loro smaltimento come rifiuti.

È stata sviluppata dall’ECHA in ottemperanza a quanto previsto dalla Direttiva Quadro sui rifiuti (Direttiva (UE) 2018/851). Dal 5 gennaio 2021 le aziende che producono, assemblano, importano o distribuiscono articoli, nell’ambito dell’Unione Europea, hanno l’obbligo di trasmettere all’ECHA le informazioni sugli articoli e sui prodotti, in particolare sulle sostanze estremamente preoccupanti presenti in una concentrazione superiore allo 0,1% p/p. 

E’ ora possibile accedere ai dati sulle sostanze estremamente preoccupanti (SVHC) presenti negli articoli in quanto tali o in oggetti complessi presentati dalle aziende dell’Unione europea per rispondere all’obbligo previsto dalla Direttiva (UE) 2018/851 (Direttiva Quadro sui rifiuti)

Lo scopo della banca dati è quello di consentire ai consumatori di fare scelte di acquisto più consapevoli e maggiormente informate, oltre a consentire agli operatori dei rifiuti di sviluppare ulteriormente il riutilizzo degli articoli e il riciclaggio dei materiali.

La banca dati contiene, allo stato attuale, più di quattro milioni di notifiche di articoli fornite dalle circa 6.000 aziende europee che hanno ottemperato all’obbligo di notificare all’ECHA i prodotti contenenti sostanze estremamente preoccupanti.

Le categorie di prodotti maggiormente notificate riguardano:
-apparecchiature elettroniche e loro parti;
-veicoli e loro parti;
-articoli in gomma;
-macchinari e loro parti;
-strumenti di misura, ecc.

Le sostanze più comuni notificate sono:
-piombo;
-monossido di carbonio;
-triossido di piombo-titanio;
-acido silicico, sale di piombo, ecc.

Attraverso una interrogazione della banca dati è possibile conoscere quali articoli contengono sostanze SVHC incluse nella Candidate List in una concentrazione superiore allo 0,1% peso per peso (p/p) oppure quali oggetti complessi (prodotti), immessi sul mercato UE, incorporano tali articoli.

È possibile effettuare una ricerca per nome dell’articolo o marca, categoria di prodotto, tipo di materiale o nome chimico.

 

EUCLEF - European Union Chemical Legislation Finder

EUCLEF- European Union Chemical Legislation Finder è un servizio di recente attivazione, con accesso libero, e contenente informazioni sulla normativa europea in materia di sostanze chimiche il cui scopo è quello di consentire alle aziende che producono o utilizzano tali sostanze, di verificare in che modo e attraverso quale norma le loro sostanze vengono regolamentate nell'UE e quali sono gli obblighi legali derivanti.

È possibile effettuare la ricerca attraverso il nome, il CAS, il numero CE della sostanza per sapere attraverso quali atti la sostanza è normata, ma è anche possibile, viceversa, conoscere quali sostanze sono interessate da una specifica norma, oltre al regolamento REACH. Sono presenti notizie sui regolamenti che riguardano i prodotti cosmetici, i pesticidi, i rifiuti, la sicurezza dei giocattoli, la sicurezza alimentare e i materiali a contatto con gli alimenti.