Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

5a Conferenza nazionale sull’attuazione del Regolamento REACH - Pubblicati gli atti

-A A +A
Data Evento: 
16/11/2016

Pubblicati gli atti della 5a Conferenza nazionale sull’attuazione del Regolamento REACH

logo reachIl 16 novembre 2016 si è svolta a Roma, presso l'Auditorium del Ministero della Salute, la 5a Conferenza Nazionale sull'attuazione del Regolamento REACH.

La Conferenza è stata organizzata dal Ministero della Salute, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare,  il Ministero dello Sviluppo Economico con il supporto dell'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo sostenibile, l’Istituto Superiore di Sanità - Centro Nazionale Sostanze Chimiche e l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale.

A dieci anni dall’adozione del regolamento REACH, la 5a Conferenza nazionale ha fatto il punto su quanto è stato fatto fino ad oggi, per condividere le buone pratiche e le esperienze utili alle imprese che si stanno preparando alla scadenza del 2018 per la registrazione delle sostanze fabbricate e importate nella Comunità Europea, per garantire gli obiettivi di prevenzione e protezione della salute, di salvaguardia dell’ambiente e di sviluppo sostenibile.

La Conferenza ha toccato anche il tema emergente del rapporto tra gestione delle sostanze chimiche ed economia circolare.     

Programma 

Le presentazioni:

L’attuazione del regolamento REACH in Italia e il piano nazionale di prevenzione
Ranieri Guerra, Ministero della Salute – Direzione Generale della Prevenzione sanitaria 

I Sessione: “Verso la scadenza del 2018 – Buone pratiche e esperienze positive”

Risultati conseguiti dall’entrata in vigore del regolamento REACH
Cristina de Avila, Commissione Europea – DG Ambiente - Unit Sustainable Chemicals
    
L’Helpdesk REACH: cresce l’orientamento alle PMI  
Francesca Carfì, Ministero dello Sviluppo Economico - Direzione generale della Politica industriale, competitività e PMI  ed ENEA 

Registrazione semplificata per le sostanze registrate in quantità inferiori a 10 tonnellate/anno e controllo dei rischi
Leonello Attias, Centro Nazionale Sostanze Chimiche (ISS)

Il nuovo regolamento sul data sharing: esame delle opportunità e degli strumenti per facilitare l’adesione ai  SIEF
Gianluca Stocco, Normachem S.r.l. 

Esempio di registrazione da parte di un gruppo di imprese
Vilfredo Raymo, Simone Gatto S.r.l.

Registrazione di gruppi di sostanze mediante Q(SAR) e Read Across: il caso dei coloranti
Christian Maculan, Colorex S.r.l
    
Un esempio di buona pratica di filiera per il settore tessile
Mauro Rossetti, Associazione Tessile e Salute  

Informazioni dagli sportelli REACH: esempio di uno sportello regionale
Celsino Govoni, Regione Emilia Romagna 
    
Attività di comunicazione in vista della scadenza del 2018
Susanna Lupi, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare- Direzione generale per le valutazioni e autorizzazioni ambientali 

II Sessione: “Regolamento REACH: bilancio a 10 anni”

La strategia di regolamentazione dell'ECHA e l'ultima scadenza per la registrazione
Claudio Carlon, ECHA

Rapporto sullo stato di attuazione del regolamento REACH a livello nazionale
Pietro Pistolese, Ministero della Salute -Direzione Generale della Prevenzione sanitaria

Progetto di sostituzione di una SVHC: il caso dell’Alcantara
Giovanni Belloni e Raffaele Cardarelli, Alcantara S.p.A.- 

La rete di scambio ENES: scenari di esposizione e schede di sicurezza
Stefano Castelli, Ministero dello Sviluppo Economico - Direzione generale della Politica industriale, competitività e PMI  ed ENEA

Un caso concreto di autorizzazione/sostituzione: l’esabromociclododecano (HBCDD)
Pietro Paris, ISPRA- Settore Sostanze Pericolose 
    
L’informazione sulle sostanze chimiche nella grande distribuzione
Luca Pereno, Leroy Merlin S.r.l.

III Sessione: “REACH e economia circolare”

Economia circolare e gestione del rischio delle sostanze chimiche
Carlo Zaghi, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - Direzione generale per le valutazioni e autorizzazioni ambientali 

Una buona pratica di riciclo: il caso del PVC
Carlo Ciotti, PVC Forum Italia 

Progetto Life InREACH: scambio di informazioni lungo la catena di approvvigionamento
Stefano Gianazzi, ConsorzioTICASS     

 

In allegato il materiale della cartellina:

 

No