ECHA e-news- 23 ottobre 2013

-A A +A
Condividi con: Condividi su Facebook Condividi su Google+ Condividi su Twitter Invia email con link

In questo numero: l'ECHA richiede informazioni sul decabromodifeniletere (DecaBDE); è disponibile il programma di lavoro pluriennale dell'ECHA per il periodo 2014-2018; l'aggiornamento del Registro delle intenzioni; nuove consultazioni pubbliche e altro ancora.

ECHA e-news - 23 ottobre 2013 

In questo numero viene tra l'altro comunicato:

che l’ECHA sta predisponendo una proposta di restrizione per il decabromodifeniletere (DecaBDE). Pertanto l’Agenzia richiede informazioni per l’identificazione degli usi di tale sostanza per i quali la sostituzione potrebbe risultare difficile o richiedere più tempo.
L'Agenzia intende presentare il fascicolo di restrizione per il DecaBDE il 1° agosto 2014;

che il Comitato sui biocidi si è riunito il 9 e il 10 ottobre e ha approvato il programma di lavoro provvisorio per il 2014-16;

la pubblicazione di una scheda informativa che ha lo scopo di chiarire la fase successiva alle decisioni dell’ECHA, in seguito alla valutazione dei dossier. La valutazione dei fascicoli riguarda i controlli di conformità e le proposte di test. A conclusione di tali procedure, l'ECHA può richiedere al registrante ulteriori informazioni;

che è disponibile il programma di lavoro pluriennale dell’ECHA per il periodo 2014-2018. L'Agenzia desidera ringraziare coloro che hanno partecipato alla consultazione pubblica per il loro prezioso feedback;

che nell’inventario delle classificazioni e delle etichettature sono disponibili in lingua italiana le voci armonizzate dell'allegato VI del regolamento CLP. Si tratta delle voci incluse nella versione del regolamento del dicembre 2008;

che la Commissione europea ha predisposto una nota relativa agli articoli trattati nell'ambito del regolamento sui biocidi;

che è stato pubblicato il Rapporto sulle metodologie impiegate nella valutazione del rischio ambientale dei derivati del petrolio. Il documento, commissionato dall'ECHA, suggerisce raccomandazioni per migliorare la validità scientifica e l'applicabilità dei metodi più comunemente utilizzati per valutare i rischi ambientali di tali sostanze;

che nel numero di ottobre della Newsletterdell’Agenzia sono trattati diversi argomenti tra cui:

  • la nuova scheda informativa che descrive la procedura successiva ad una decisione dell’Agenzia dopo la valutazione dei dossier;
  • le attività promosse nei Paesi Bassi per l’attuazione del regolamento sui biocidi;
  • il documentario americano “The Human Experiment” in cui sono prese in esame le sostanze chimiche nei prodotti di uso quotidiano e il loro effetto potenziale sull’uomo;

che l’indagine relativa al QSAR Toolbox è terminata e sono stati inviati commenti da parte di 171 utenti. L’Agenzia informa che i contributi inviati saranno utilizzati per migliorare e definire nuove funzionalità da integrare nel Toolbox nella prossima fase di sviluppo dello strumento;

che saranno pubblicati sul sito dell'ECHA gli allegati non riservati ricevuti nel corso delle consultazioni pubbliche sulle proposte di classificazione ed etichettatura armonizzate;

che il Registro delle intenzioni è stato aggiornato con cinque proposte di classificazione ed etichettatura armonizzate per le sostanze: pimetrozina (ISO) N. CAS 123312-89-0, dilaurato di dibutilstagno N. CAS 77-58-7, carbonato di cadmio N. CAS 513-78-0, idrossido di cadmio N. CAS 21041-95-2 e nitrato di cadmio N. CAS 10325-94-7;

che sono inoltre in corso le consultazioni pubbliche relative ai seguenti documenti:

la possibilità di nuove opportunità di lavoro presso l'ECHA.

No
Condividi con: Condividi su Facebook Condividi su Google+ Condividi su Twitter Invia email con link